Presentazione

Benvenuti  nel sito  promosso e organizzato da Alberto CUOGHI  per  favorire la conoscenza della materia  “Vigilanza Edilizia” e  “Sicurezza Cantieri”. Lo scopo è quello di fornire  uno strumento utile a tutti gli operatori facenti parte dei vari Corpi di Polizia Locale e non solo, al fine di trovare  risposte adeguate ed un valido aggiornamento professionale in tali discipline. Il sito mette a disposizione anche la modulistica per effettuare i controlli nei cantieri creata, in parte, dall’autore in base all’esperienza maturata nel corso degli anni.

Buona consultazione!

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

SEMINARI & AGGIORNAMENTI

Salve,

per chi fosse interessato Volevo suggerirvi:

1) il 18 Settembre p.v  , sessione di VIGILANZA EDILIZIA del mattino, dalle 9.30 alle 13.00 , sarò ospite alle “Giornate della Polizia Locale” a Riccione con relazione sul Sopralluogo di cantiere : cosa fare prima, durante e dopo. Modalità operative e atti da redigere .

Oltre al sottoscritto, vi saranno altri 3 interlocutori : Marco Pasetti  della P.L. di Milano, Stefano maini , Avvocatura civica di Modena e Massimo Saltarelli Avvocato.

per maggiori info : www.legiornatedellapolizialocale.it

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

ARRIVA IL SALVA ITALIA : sarà la volta buona ????

A detta del premier, sarà una grande evoluzione nel contesto urbanistico il cosiddetto decreto “salva Italia”.

Le materie toccate dal nuovo provvedimento sarà ampio: si attraverseranno i temi delle semplificazioni per l’edilizia privata, del finanziamento immediato di alcune grandi opere, fino al rifinanziamento del piano “6mila Campanili” ed il piano nazionale degli aeroporti.

Ma l’aspetto ,più interessante sarà  quello relativo all’introduzione di un embrione di regolamento edilizio unico tipo (da realizzarsi tramite un decreto realizzato dai Ministeri delle infrastrutture e per la semplificazione e la pubblica amministrazione): attraverso questo strumento ogni Comune avrebbe la possibilità di conformare il testo base, in funzione delle proprie specificità, con l’impianto del regolamento che rimarrebbe unico per tutto il Paese (e tutti gli 8mila Comuni d’Italia) con un’evidente semplificazione nel lavoro dei professionisti.

Dentro al provvedimento non dovrebbero poi mancare anche alcune norme volte a limitare il potere di autotutela dei Comuni dopo la presentazione della Scia o della Dia edilizia ( non ancora abilita) , oltre ad un accorciamento dell’iter del permesso di costruire e al rafforzamento effettivo dello Sportello unico edilizia.

VEDREMO!

Pubblicato in Vigilanza edilizia | Lascia un commento

Cassazione: infortunio e negligenza del lavoratore

tribunaleCon sentenza n. 15705 del 9 luglio 2014, la Corte di Cassazione ha ribadito che, laddove l’infortunio cagionato al lavoratore sia derivato da una scelta arbitraria di quest’ultimo, il quale ha scentemente voluto una situazione diversa da quella inerente all’attività lavorativa, non sussiste il diritto all’indennizzo.

Fonte: www.dplmodena.it

 

 


Pubblicato in Sicurezza cantieri | Lascia un commento

EDILIZIA: pacchetto semplificazioni

Nel pacchetto semplificazioni del Governo si dovrebbe trovare quanto sotto:

AD OGGI, 30/06/14, a seguito dell’emanazione dei due Decreti 90 e 91 del 24 Giugno scorso, le norme sotto indicate non sono state  più inserite nei loro testi.

  1. Accelerazione dei tempi per il rilascio del permesso di costruire
  2. Cancellazione della possibilità di operare il principio dell’autotutela per gli interventi legati alla SCIA o DIA ( che esiste ancora ai sensi del TUE)
  3. Ridisegnazione degli interventi in zone sismiche
  4. Il concetto di sopraelevazione verrà posto senza limiti purchè gli strumenti urbanistici lo consentano
  5. Modifica del concetto di RESTAURO rispetto a quanto previsto dall’art 3 del TUE.

Quanto sopra rientra nel progetto già avviato dal governo per la semplificazione delle procedure amministrative , dove certo non brilla l’edilizia!

A presto per ulteriori notizie e approfondimenti.

Pubblicato in Vigilanza edilizia | Lascia un commento

La Pensilina di grandi dimensioni NON è pertinenza

La sentenza 4997 del 14 ottobre 2013 del Consiglio di Stato (Sezione V) ha sancito che l’edificazione di un manufatto di grandi dimensioni ( pensilina) non va inquadrato come pertinenza edilizia.

La suprema corte amministrativa ha ribadito la differenza tra la pertinanza urbanistica e quella civilistica . Infatti, i beni pertinenziali in senso civilistico non sono necessariamente pertinenziali ai fini dell’applicazione delle regole proprie dell’attività edilizia. La nozione di pertinenza in ambito edilizio ha un significato più circoscritto: la mancanza di autonoma utilizzazione e di autonomo valore del manufatto è sufficiente come requisito per essere “pertinenza” in ambito civilistico; in ambito edilizio occorrono invece anche le dimensioni ridotte, dimensioni che non devono alterare in modo significativo l’assetto del territorio o incidere sul carico urbanistico. Tali caratteristiche, tra l’altro, devono essere dimostrate dall’interessato. Continua a leggere

Pubblicato in Vigilanza edilizia | Lascia un commento

PERGOTENDA: Attività Libera

È definitivo: il Consiglio di Stato ha stabilito che la realizzazione di una tenda-pergolato (detta anche “pergotenda”) non ancorata in modo fisso al pavimento costituisce gli estremi di un intervento non subordinato al rilascio del permesso di costruire.

  Continua a leggere

Pubblicato in Vigilanza edilizia | Lascia un commento

LA SICUREZZA IN CANTIERE – parte terza

 

foto 4

FOTO 4

 

I Ponteggi movibili

All’interno del Titolo IV troviamo la Sezione VI, dedicata a quelle strutture cosiddette mobili come i ponti su cavalletti (art. 139) ed i trabattelli(ponti su ruote a torre)(art. 140).

I Ponti su cavalletti (fig. 5) possono essere utilizzati fino ad un’altezza di 2 metri (oltre la quale, abbiamo visto, bisogna approntare un idoneo ponteggio) e non devono essere montati (come a volte accade) sugli impalcati dei ponteggi e vanno tenuti in conformità con quanto prescritto dal punto 2.2.2 dell’ All. XVIII. In questo caso non occorre, per coloro che utilizzano detta attrezzatura movibile, né la redazione del PI.M.U.S., né l’attestazione professionale di cui sopra così come sancito dalla Circolare 3/11/2006 del Ministero del Lavoro. In violazione a tale articolo è prevista la sanzione penale contravvenzionale dell’arresto fino a due mesi o ammenda da 500 a 2000 euro. Continua a leggere

Pubblicato in Sicurezza cantieri | Lascia un commento

LA SICUREZZA IN CANTIERE – parte seconda

LAVORI IN PROSSIMITA’ DI PARTI ATTIVE  art. 117 – fig.6

Quando si eseguono lavori edili in prossimità di impianti elettrici o linee elettriche non protette o parzialmente protette, occorre rispettare ed eliminare le parti in tensione o posizionare ostacoli fissi per evitare il contatto con parti attive o mantenere le varie attrezzature a debita distanza di sicurezza. Tale distanza può variare (secondo quanto riportato nella tabella 1 dell’allegato IX) dai 3 metri, per parti attive aventi tensione fino ad 1 KV, ai 7 metri per parti attive oltre i 220 KV.

La distanza di sicurezza deve essere tale che non possano avvenire contatti diretti o scariche pericolose per le persone tenendo conto del tipo di lavoro, delle attrezzature usate e delle tensioni presenti. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

LA SICUREZZA IN CANTIERE – prima parte

Relazione di CUOGHI Alberto

1) L’organizzazione del cantiere

Con il termine “organizzazione del cantiere”, si intende quella serie di operazioni

che devono essere messe in atto da quelle figure professionali (il committente, il

responsabile della sicurezza, il titolare dell’impresa esecutrice ecc.), al fine di realizzare

concretamente la sicurezza del posto di lavoro, in modo che sia gli addetti che dovranno

realizzare le opere edili, sia i terzi, possano godere di un luogo idoneo alle rispettive

esigenze. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

VARIE – NUOVO PIANO CASA

Le cinque cifre importanti del Piano Casa Lupi: 568 milioni, 10%, 60%, 241 milioni, 900. Esaminiamo nel dettaglio a cosa si riferiscono.

 Si avvia al definitivo perfezionamento il Piano Casa Lupi, discusso mercoledì scorso in Consiglio dei Ministri. Sono cinque i punti qualificanti del provvedimento che mira a dare ossigeno all’asfittico mercato immobiliare con misure di sostegno a favore di proprietari di alloggi e affittuari.

fonte : Ediltecnico.it Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento